Premio Instant House – Temporary House 2012

Premio “Instant House – Temporary House 2012”

Iniziativa di FederlegnoArredo e Politecnico di Milano per MADEexpo

Il 1° Premio ad Andrea Di Marino della Facoltà di Architettura Luigi Vanvitelli di Aversa

La soluzione del progetto si struttura  attraverso l’idea-guida di una nuova strada pubblica, la quale si attesta perpendicolarmente a via Celoria; questo spazio pubblico è definito da un elemento allungato, una promenade, sospesa sopra la quota della città, ed incastonata in una struttura a traliccio, che è anche elemento connotativo e caratterizzante del progetto. La promenade è anche elemento di distribuzione, ponendosi quale filtro regolatore tra i flussi diurni e quelli notturni;  organizza quindi la circolazione dell’intero edificio, dal momento che mette a sistema anche i ballatoi delle residenze, poste al livello superiore.
Nello spazio allungato della promenade vengono collocate le funzioni pubbliche, al netto della sala, la quale per motivi formali e tematici fuoriesce dalla composizione, assumendo una giacitura dettata dal rapporto con la città.
La spina centrale è dunque l’elemento principale del progetto che mette in relazione lo spazio privato delle residenze con lo spazio pubblico della città, un luogo di connessione, una sinapsi urbana che contiene e collega differenti funzioni.
Le residenze sono invece dei blocchi compatti, composti da unità minime che ospitano due persone; vengono distribuite da un ballatoio e servite da una fascia tecnica ed uno spazio living dalle dimensioni contenute. Questo spazio pubblico è caratterizzato da un elemento d’arredo che sintetizza e semplifica le funzioni alle quali è chiamato a rispondere il classico alloggio. L’elemento permette inoltre, varie configurazioni spaziali, in maniera tale che sia il luogo ad adattarsi all’individuo e non viceversa.

Vai al PROGETTO