Genius Luci

“GENIVS LVCI”

Primo premio Urban Lightscape 2015

Helena Gentili-Daria Casciani-Carlo D’Alesio


E’ il progetto “Genius Luci” il vincitore nella categoria Architetti e Designer del Concorso internazionale di idee “UrbanLightscape – Paesaggi della città contemporanea: la luce come elemento di connessione tra passato, presente e futuro”.

Il Concorso, promosso da AIDI, Associazione Italiana di Illuminazione e dal CNAPPC – Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori,proponeva come obiettivo la riqualificazione del quartiere Eur di Roma, attraverso la luce.

Il fine di Urban Lightscape è stato quello di realizzare il concept di un nuovo sistema di illuminazione per il quartiere a sud della Capitale – sorto per ospitare E42, l’Esposizione universale del 1942 mai inaugurata a causa della guerra – e rendere meglio intellegibile la sua parte storica, creando connessioni forti tra questa e quella moderna in una dimensione urbana contemporanea estesa in ambito pubblico, artistico e ambientale.

Tutto ciò in una ottica di Smart City per la valorizzazione del territorio, del patrimonio architettonico ereditato da E42, delle attività culturali e di quelle commerciali, ma soprattutto per promuovere la trasformazione urbana e migliorare la qualità della vita dei suoi cittadini.

La premiazione si è svolta in occasione della biennale Professional Lighting Design Convention PLDC, che quest’anno ha avuto luogo proprio a Roma e che ha ospitato circa 2000 tra lighting designers ed operatori di settore provenienti da tutto il mondo.

Dunque, per la categoria Professionisti, si è distinto “GENIVS LVCI” – Gruppo Helena Gentili, Daria Casciani, Carlo D’Alesio – con la seguente motivazione:

The global approach of this project is very mature, an extensive area and a large variety of aspects have been taken into consideration, often far beyond what the competition brief requested. Every aspect of a project, with capital “P” has been thoroughly studied, showing competence and also the presence of different professionalisms within the group. The analysis is very interesting and so is the working structure, in this dense and accurate project even a survey among the inhabitant found place. Attractive and clear is the graphic expression and nothing of the EUR has been left unexplored

Abbiamo chiesto a Carlo D’Alesio (Co-Founder D’Alesio&Santoro) di descrivere sinteticamente lo spirito che sottintende il Progetto

Con Genivs Lvci non ci siamo limitati a fare un progetto “bello” o tecnicamente “corretto”, ma abbiamo voluto spingerci oltre, facendo del Lighting Design una strategia comunicativa ed imprenditoriale. L’intera area interessata all’intervento progettuale, è stata concepita come un vero e proprio “museo” sperimentale, dove a luce è l’elemento che mette in relazione gli elementi architettonici (di diversi stili ed epoche), gli spazi pubblici e le aree verdi di aggregazione. L’intento è stato quello di conferire un valore aggiunto al territorio: qualcosa che sia sostenibile economicamente e che inneschi dinamiche di partecipazione sociale, di Marketing Territoriale, e che nobiliti culturalmente l’area in oggetto.

Tavola d’insieme

Sezioni

Masterplan

La Basilica di S.Pietro vista dal lago

Veduta delle torri di Ligini

Vista d’insieme (Monumento a G.Marconi – 1954;  Palazzo della Scienza Universale – 1943;   Museo delle Arti e Tradizioni Popolari – 1954)

Palazzo dei Ricevimenti e dei Congressi (1954)

 

Gruppo di progettazione

Helena Gentili – Architetto, Lighting Designer

Daria Casciani – PhD Politecnico di Milano, Lighting Designer

Carlo D’Alesio – Co-Founder D’Alesio&Santoro