Ricostruzione Ponte Morandi: il contributo dell’Istituto Nazionale di Urbanistica

INU

Ricostruire il Ponte per ricostruire una città vivibile e competitiva.
Le proposte dell’Istituto Nazionale di Urbanistica per Genova.

Un contributo culturale, scientifico e tecnico per sostenere Genova e aiutarla a superare l’attuale momento di difficoltà.
E’ la ragione della lettera inviata dalla presidente nazionale Silvia Viviani, per conto dell’Istituto Nazionale di Urbanistica, al sindaco di Genova (nonchè commissario straordinario per la ricostruzione del ponte autostradale sul Polcevera)  e all’assessore all’Urbanistica Simonetta Cenci.
Alla lettera è accompagnato un documento, otto punti su cui si dà la disponibilità di un confronto e un approfondimento nel merito.

Lo spirito che anima l’iniziativa dell’Inu è la consapevolezza, scrive Viviani, che “la ricostruzione del Ponte costituisce un impegno imprescindibile nei tempi brevi a cui a cui si affianca la necessità di una programmazione, nei tempi medi e lunghi, di un complesso di piani, politiche, progetti e opere specifiche capaci di offrire scenari strategici e operativi adeguati alle domande di una città e di una economia già provate in passato da altri eventi calamitosi e tuttavia sempre proiettate verso un ruolo di primo piano nella competizione economica internazionale e nella ricerca di una qualità urbanistica e ambientale di eccellenza”.

Il documento è stato redatto da un gruppo di lavoro a cui hanno preso parte, oltre che la presidente Viviani e il membro della Giunta esecutiva Carlo Gasparrini in veste di coordinatori, anche i presidenti delle sezioni regionali del Piemonte e della Liguria. Diversi  i vari nodi da affrontare e approfondire.

Tra questi, la prospettiva che la sola ricostruzione del ponte non farebbe altro che riproporre la condizione di disagio del traffico delle auto e soprattutto dei mezzi pesanti, che  ha stressato profondamente il Ponte Morandi. Pertanto, per l’Inu, è fondamentale inserire la costruzione del nuovo Ponte dentro scenari urbanistici e infrastrutturali sostenibili ed efficaci per la risoluzione dei problemi della mobilità di Genova, per la sua attrattività economica e turistica, per la sua vivibilità e per la qualità ambientale.

L’Inu indica come “irrinunciabile” la connessione con i corridoi transnazionali delle reti ferroviarie per spostare quote crescenti dei flussi delle merci dalla gomma al ferro con conseguente alleggerimento delle infrastrutture stradali urbane.
Ecco quindi la necessità di ipotizzare nel più breve tempo possibile il completamento del Terzo Valico ferroviario, la realizzazione della cosiddetta Gronda e la fattibilità tecnico – economica del tunnel sub – portuale, il cui progetto va adeguato e approfondito a livello definitivo, come infrastruttura di completamento della grande viabilità est – ovest.

Importante per l’Inu in questo contesto affrontare anche la scala della mobilità urbana con l’obiettivo di un riequilibrio tra gomma e ferro e fra trasporto pubblico e privato in cui collocare il ruolo del ponte/viadotto.
Di qui la necessità di spostare sul ferro quote crescenti di flussi oggi affidati all’auto e ai mezzi pesanti, completando la metropolitana e potenziando una rete diffusa di mobilità slow strettamente raccordata alle reti del trasporto pubblico.
Come riferimento e come strumento viene indicato il Piano Urbano della Mobilità sostenibile (Pums). Portate a termine queste azioni, scrivono gli urbanisti dell’Inu, sarà “possibile immaginare il futuro declassamento del viadotto autostradale – e quindi anche del nuovo ponte – a infrastruttura stradale della sola mobilità urbana, quando quelle condizioni di contesto lo renderanno possibile oltre che auspicabile”.

allegato

QUI IL DOCUMENTO INU

(fonte: INU)